NASA, l’uomo tornerà sulla Luna grazie al programma Artemis

NASA, l’uomo tornerà sulla Luna grazie al programma Artemis

Qualche anno fa andava di moda Marte, oggi la Luna. Il fatto è che il pianeta rosso è un obiettivo assai ambizioso e richiede tecnologie ed investimenti ad oggi assenti. Occorre fare un passo per volta.

Nel 1969 l’uomo ha messo il naso fuori di casa, è arrivato sulla Luna. Tuttavia, non c’erano i mezzi per una permanenza stabile.

Tornare sulla Luna per restarci, questo è l’obiettivo del nuovo programma Artemis della Nasa. Il nome è stato scelto in onore del programma Apollo, difatti nella mitologia greca Artemis è la sorella di Apollo e considerando anche che con la missione attuale della Nasa si intende portare la prima donna sulla Luna, quale nome migliore?

Il governo statunitense ha stanziato 1.6 miliardi di dollari aggiuntivi per questa missione.  La missione Artemis si prefigge di raggiungere la Luna entro il 2024 e, come già accennato, di costruire una infrastruttura di base per viaggi continui verso il nostro satellite. Per fare ciò, la Nasa ha messo in palio un premio per lo sviluppo di un Lander lunare che consenta la discesa e la risalita dal moon gateway (la stazione spaziale lunare la cui costruzione è prevista in pochi anni) alla Luna. La parola chiave è la riutilizzabilità.

Pronti a sognare di nuovo?

Lo sai che il fondatore di Amazon vuole andare sulla Luna? Leggi la notizia.

Vai e divulga!

Lascia un commento

Chiudi il menu