White Gold, la serie Netflix che si ispira a The Wolf of Wall Street
Il protagonista: Vincent Swan (Ed Westwick)

White Gold, la serie Netflix che si ispira a The Wolf of Wall Street

White Gold è una serie inglese prodotta dalla BBC e trasmessa in Italia tramite Netflix. La regia è affidata Damon Beesley, il quale è anche l’ideatore della serie. Il protagonista è Ed Westwick (Gossip girl).

La produzione si ispira palesemente a The Wolf of Wall Street e Vincent Swan assomiglia molto al Jordan Belfort di Leonardo di Caprio.

Comparto tecnico

Tecnicamente la serie è buona anche se non spicca in alcunché e il comparto sonoro è abbastanza neutro. La fotografia è particolare e l’influenza inglese è evidente. 

Trama e narrazione

6 episodi da 30 minuti ognuno. Questo è quanto dura una stagione di White Gold. Al di là del fatto che possa essere una durata troppo breve, la narrazione non sembra offrire i presupposti per un minutaggio maggiore. 

Proprio come in The Wolf of Wall Street, Vincent Swan parla spesso con lo spettatore rompendo la “quarta parete”.

Ma che tipo di serie è? White Gold è una commedia bizzarra. I personaggi sono verosimili ma “folli”.

Le situazioni a schermo sono in alcuni frangenti psichedeliche. L’impressione è quella di un mondo normale in cui dei personaggi irreali (per carattere e comportamento) interagiscono dando vita alle vicende della trama.

White Gold è una serie che per i primi episodi vi farà storcere il naso. Tuttavia, dopo un po’ scoprirete che non è così male e che i 6 episodi a stagione sono caratterizzati da grande fluidità. Il prodotto ha un suo “perché”, ma l’influenza del capolavoro di Martin Scorsese è troppo forte.

Situazioni bizzarre, personaggi folli, sesso, droghe e il mondo delle vendite sono gli ingredienti della ricetta di White Gold.

Commento finale

Una buona serie, adatta per farsi due risate ma niente di più.

Articolo scritto da:
Federico Munari
Fondatore di humanet.it
Vai e divulga!

Lascia un commento

Chiudi il menu