Quanto guadagna un consulente finanziario di Intesa San Paolo?

La pagina è stata aggiornata a GENNAIO 2020!

Nessuno ne parla ma molti se lo chiedono: quanto guadagna un contratto misto?

Innanzitutto, partiamo dall’inizio. Il Gestore Misto (anche detto “Contratto Misto” o “Minotauro”) altro non è che un Consulente finanziario che ha con Intesa Sanpaolo due contratti di lavoro in essere: un contratto a tempo indeterminato part-time e un contratto di agenzia.

Il Minotauro lavora per due giorni la setti mana in filiale come consulente dipendente e per gli altri 3 giorni è assunto a partita iva e pagato a provvigioni.

Ma dato che state leggendo questo articolo sono sicuro che già conoscete queste cose, basta cercare su google. Parliamo invece di ciò che non si dice sul web: il denaro.

Il vile denaro, sporco, brutto e denigrato. Tutti lo vogliono ma chi ne parla viene classificato come un materialista senza-Dio. Al di là di questo, passiamo alle cifre.

Lato dipendente

Il contratto misto percepisce uno stipendio per il suo Part-Time (verticale) circa 11.800 € lordi l’anno (non vi aspettavate cifre eh? E invece…). Ma a voi interessa il netto, il quale si aggira sui 650-720 € al mese. Considerate poi tutti i vantaggi del dipendente: TFR (circa 75 € mensili), malattie e ferie pagate, buoni pasto (2 a settimana da 6€ ciascuno) e tutto il welfare aziendale (dentista pagato fino a 200€, pensione complementare ecc.).

Che noia.

Lato a provvigione (p. iva)

Rendiamo più frizzante il tutto, no?

Per i primi 6 mesi il Minotauro percepisce 1.356 € lordi e forfettari di provvigione (aggiornato a GENNAIO 2020, prima riportava 1.200, vedi in fondo all’articolo la fonte), queste sono le cd. Provvigioni di avviamento. Durante questi sei mesi percepirete quindi: 650-720€ (netto dipendente) + circa 1.000 (netto provvigioni).

TOTALE PER I PRIMI 6 MESI: circa 1600-1700€.

Non male. Ma poi? Finiti i 6 mesi il fisso da dipendente ovviamente rimane ma la componente a provvigione dovrete guadagnarvela. La tabella che indica le percentuali sulle operazioni completate “varia in base ad un criterio geografico” (Stefano Barrese, 8 ottobre 2019), quindi non è possibile avere un modello che vada bene per tutti (è probabile che i più pagati saranno coloro che lavoreranno in grosse città come Roma o Milano, dove la vita è più costosa).

Il consulente a partita iva avrà 2 portafogli: A e B. A è il portafoglio composto da tutti i clienti acquisiti direttamente dal consulente ed è retribuito con provvigioni e premi di acquisizione (tra cui lo 0.75% delle AFI dei clienti che rimangono in portafoglio per almeno 12 mesi). B è il portafoglio che contiene i clienti che Intesa ti affida, è retribuito a provvigione ma, ovviamente, non sono previsti premi di acquisizione visto che è la banca a fornirti i clienti.

TOTALE DOPO I 6 MESI: 650-720 + provvigioni effettivamente guadagnate (potenziale infinito).

Aggiornamento GENNAIO 2020: a quanto è emerso il consulente a p. iva riceverà circa 1/4 del guadagno che apporta alla banca (es: collocate 10.000 in un fondo che ha una commissione d’ingresso del 1%, il consulente si prende 0.25% in provvigione, quindi 25 euro). Sono previste provvigioni forfettarie per i prodotti il cui profitto della banca non è immediatamente calcolabile (es: apertura nuovo c/c vale circa 50 euro)

Per avere un’idea di tabella vi rimando a dell’Associazione Nazionale Consulenti Finanziari (Clicca qui). 

Ecco dove puoi trovare la posizione ufficiale sulla piattaforma Jobs di Intesa Sanpaolo: Jobs.

Piccolo update: ho da poco pubblicato un elenco dei migliori ETF a dividendo mensile, si tratta di un ottimo strumento per crearsi un’entrata extra ogni mese. Col tempo e con investimenti regolari è possibile ottenere rendite davvero importanti. Ecco il link all’articolo.

Siete interessati a crearvi un portafoglio adatto a qualsiasi momento dei mercati finanziari? Scopri la mia guida alla creazione del portafoglio All Seasons di Ray Dalio.

Fonte: FABINTESASANPAOLO 

Lascia un commento

Chiudi il menu